sabato 14 luglio 2012

Per un soffio

Al lavoro,
di sabato pomeriggio,
si è così.
Mi annoio in ufficio perchè non ho niente da fare, ti credo è sabato!
Qualcuno ci deve essere però e oggi mi tocca.
Se poi penso che potrei essere a casa, tra le mie cose, tra le mie persone, mi viene voglia di bombardare una nazione a casaccio.
Dici, dai! Domani te la godi, vai al mare, in piscina, in centro..no? NO! Perdìo.
Domani lavoro.
In giacca domani.
Con la cravatta.
Con 310,15 gradi Kelvin!!!
Ma dai Ale, lunedì magari...
No, lunedi lavoro e poi vado dal carrozziere con la tipa dell'incidente.
E così via...
Come se non bastasse accendo la radio e, prima che possa cercare un canale, Ligabue fa in tempo a cantare un ritornello!!! Eh no! Questo è troppo.
Passi il lavoro, passi il caldo, passi il fatto che venendo ho incrociato un tizio col colletto della polo alzato (ma chi cazzo sei, Gerry Calà???) ma quello scrauso di Ligabue no!!
Come già detto, sulla musica non transigo proprio.
Il tizio in questione poi mi fa andare subito il sangue al cervello.
Con le sue frasi ad effetto (che hanno effetto, come quelle di F.Volo, solo sui minus però), con le bandane che lo accompagnano..brrrrr....da non dormirci la notte.
Apro la finestra, prendo la rincorsa mirando l'ambasciatore inglese nel giardino di fianco (perchè, se devo morire, almeno scateno un conflitto atomico e vi porto tutti con me) ma poi, un refolo di senno mi scuote la frangetta...
Che cazzo sto a fa? Venerdì vado in Svezia!
E giù buon umore (perchè io ci metto poco a passare dallo spleen più profondo al trenino di Maurizio Costanzo).
Gli amici, la casa sul lago, il pulmino affittato (con tanto di lettore cd, già sbavo a pensare alla colonna sonora), Vizzini, la mugliera...
Eppoi sei scemo? Sabato sei stato a vedere il Moz, il concerto definitivo! Ti sei fatto, dopo mesi e mesi, una serata da essere umano normale. Tu e lei.
Il ricordo è ancora troppo fresco, te lo vuoi gustare ancora un pò o no??
La vita, in fondo, non è così malaccio se escludi quello che ti da noia.
Io purtroppo devo faticare molto perchè odio praticamente tutto.




8 commenti:

  1. è il blog definitivo. fighissimo.
    io fossi in te proverei addirittura lo stesso colore per sfondo e post.

    p.s.: schizofrenia, si chiama schizofrenia quei cambi d'umore là.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carino eh, proprio ora che avevo quasi deciso di chiuderlo..
      Comunque e' merito di Alessandra Del Bono (non so mettere il link del suo blog), senza di lei non avrei mai cambiato un accidente.

      Non penso sia schizofrenia, a Roma li chiamiamo rodimenti de culo...

      Elimina
    2. l'avevo immaginato. che il titolo scritto a mano è come da lei.
      per il link quando scrivi un post vicino a corsivo grassetto inserisci foto e altri fatti, c'è scritto neanche tanto piccolo 'inserisci link'. evidenzi la parola a cui vuoi far corrispondere il link, ci clicchi sopra (a inserisci link) e poi è intuitivo. dovrebbe essere semplice anche se l'ho spiegato malissimo.

      per il resto, lo so che io sono di parte perchè mi piaci un sacco, ma puoi anche lasciarlo stare così e scriverci una volta all'anno.

      p.s.: ti rendi conto che siamo gli unici due credo al mondo che stanno lavorando??

      Elimina
    3. Infatti, siamo krumiri maledetti.
      Io ci sto provando a smettere, oggi ci sono anche andato vicino, ho comprato un gratta e vinci e ho vinto 5 euri!

      about il link, non lo so se ho capito ma non è colpa tua, è che sono tecnoleso..

      Elimina
  2. Te ne vai in Svezia e ti lamenti?
    Mannaggia oh, non c'è più religione.

    RispondiElimina
  3. pensa che io questo sabato qui l' ho passato ad attendere un' ora e mezza di vedere un ritardatario per un incontro di lavoro, a mare, a due passi dal mare!
    condivido il tuo odio in certi casi!

    Facciamo le dovute presentazioni?
    Ti seguo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onorato.
      Sei la benvenuta nel mio blog intollerante!

      Elimina