venerdì 27 aprile 2012

guardando dalla finestra

Guardando dalla finestra del mio ufficio oggi pomeriggio ho avuto una visione.
Tra lo scartoffiamento compulsivo che sembra aver contagiato i fruitori dei miei servizi e i 26° che poco hanno aiutato il mio potere di concentrazione (già notevolmente più debole di quello di qualsiasi scarafaggio da appartamento), il mio sguardo ha cominciato a vagare fuori dalla finestra, a seguire una rondine nelle sue evoluzioni, a compatire i turisti che, armati di ciabatte francescane e pedalini di spugna, si faranno rapinare dai frizzanti bottegai romani, fino a posarsi su una struttura di tubi di ferro che fino a ieri non c'era..
E li, è cominciata la mia visione.
Ho visto quella struttura prendere vita e completarsi, ho visto maxi schermi che si assemblavano da soli e migliaia di watt racchiusi in casse nere appiccicarsi magicamente a tale moloc metallico.
Ho visto poi tutti i ragazzi delle puglie e delle calabrie che abitano i quartieri universitari della capitale riversarsi gioiosi nella piazze antistante pronti a godere di rivoluzione e musicaconlaemmemaiuscola!
Ho visto bandiere di medici sudamericani divenuti guerriglieri per difendere libertà e popolo del sudamerica (non del suditalia!).
Ho visto musicisti italiani carichi di ardore sindacalista che mitragliando note sulle ingiustizie sociali mandavano in sollucchero il frutto del grembo italico.
Animali mitologici come Capirezzi, Marini Rei, Eugeni Finardi e Sudsaundsistemi tutti uniti per combattere il mostro-capitalismo, quanta energia nella mia visione!!
Poi, con infinito sollievo, sono tornato in me, ho sbadigliato, ho messo un disco dei Clash per tranquillizzarmi e ho cominciato a pensare a dove saremmo andati io, Vizzini e la sua creatrice il 1° maggio...
sicuramente molto lontano da qui!

9 commenti:

  1. è un pò come il salento.
    devi essere molto giovane e molto drogato per apprezzarlo veramente.

    RispondiElimina
  2. dici? Boh, secondo me c'è tutto un background da costruire per apprezzare ambedue.
    La gioventù è comunque una forte attenuante..(lo dico solo perchè quando ci furono i Radiohead, anni e anni or sono, ci sono andato anch'io..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io comunque ci sono andata nel 1999.
      e mi piacque anche.
      ma all'epoca ero una persona migliore.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Quando sono arrivata alla lettura di "sono tornato in me" ho s troppicciato gli occhi per liberarmi dalla tua visione e mi sono ricordara che io e coinquilino abbiamo deciso - straordinaria,ente, com' è noto - di passare l'intera giornata insieme A CASA.

    RispondiElimina
  5. Un disco dei Clash per tranquillizzarti?

    ... *_* !

    RispondiElimina
  6. torna.
    sta cas aspett a te.

    RispondiElimina